DICHIARAZIONE TASI 2015 – LA DEBACLE VERONESE

0
717
views

url3

In un vortice di continue modifiche normative e tributarie i cittadini veronesi si sono trovati nei giorni scorsi a dover “combattere” contro l’ennesima riprova di inefficienza della nostra amministrazione.

Non solo il Comune di Verona ha richiesto integrazioni ai documenti in piena violazione dei diritti d’ufficio, ma si è anche dimostrato assolutamente inadeguato sia nel prestare la dovuta assistenza ai cittadini, che presso gli uffici comunali cercavano di ricevere informazioni, sia nel predisporre una struttura che fosse in grado di recepire il pesante flusso di dati richiesti.

I cittadini che sin dalle prime ore della giornata hanno provato a trasmettere via fax la propria dichiarazione, infatti, hanno trovato il numero costantemente occupato. Anche i professionisti che hanno proceduto, in conformità alle istruzioni impartite dall’ufficio tributi, ad inviare via mail le dichiarazioni in scadenza si sono visti, per buona parte della giornata, rigettare i propri invii da parte dell’account di posta  del Comune di Verona, evidentemente già saturo a metà giornata.

Considerata l’evidente inadeguatezza della struttura predisposta dal Comune di Verona,  Battiti sostiene i cittadini nella legittima richiesta per cui non venga disposta alcuna sanzione in caso di tardività nell’adempimento dichiarativo.

 BATTITI per Verona